Tre opere del ‘400 rubate al Castello Sforzesco.

Ritratto uomo - Castello Sforzesco MilanoDopo l’opera del Guercino trafugata dalla Chiesa di San Vincenzo a Modena, un’altro furto scuote il mondo e soprattutto le istituzioni dell’arte italiana. Questa volta si tratta del Castello Sforzesco di Milano: sono spariti in pieno giorno tre dipinti del ‘400 raffiguranti tre volti d’uomo. Sul piano economico il furto non è certo paragonabile a quello compiuto qualche settimana fa a Modena in quanto il valore delle tre opere di 25×25 centimetri di grandezza si aggira attorno ai 25mila euro ciascuna. Inoltre sono opere seriali, quindi non pezzi unici, prodotti in qualche bottega del cremonese. Il valore e l’importanza storica è comunque innegabile e i pezzi potrebbero far gola a qualche collezionista del mercato del piccolo antiquariato.

Si pensa infatti a un furto su commissione in quanto i tre dipinti sono inventariati e catalogati e quindi potrebbero essere venduti unicamente illegalmente sul mercato nero. Erano sistemate in un angolo in cui non arrivava l’occhio delle telecamere e senza alcun sistema di allarme attivo per proteggerli. Per il ladro deve essere stato quindi relativamente facile tranciare il fil di ferro che le teneva appese al muro, infilarle in uno zaino e dileguarsi tra il via vai dei turisti.

Ad accorgersi del furto è stato un addetto alla sicurezza verso le 15 quando ormai era troppo tardi. Ovviamente dai filmati delle telecamere non risulta nessuna immagine interessante per scovare il colpevole. Francesca Tasso, responsabile dei musei del Castello Sforzesco, spiega che è auspicabile un incremento delle telecamere come l’apertura di un guardaroba per il deposito di zaini e borse. Ovviamente tutto dipende dai fondi concessi dal governo per la difesa e divulgazione dei Beni Culturali. Intanto altre tre opere non sono più visibile al grande pubblico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin