Addio a On Kawara, l’artista giapponese delle “date”

On Kawara - TodayOn Kawara ci ha salutati per l’ultima volta ieri, giovedì 10 luglio 2014, all’età di 81 anni. Artista giapponese, è stato uno dei più importanti e conosciuti capostipidi dell’Arte Concettuale del ventesimo secolo, diventato celebre con la sua serie di quadri intitolata Today, i dipinti-data che dal 4 gennaio 1966 ha portato avanti per quasi cinquant’anni.

Ogni opera, rigorosamente dipinta a mano libera, consisteva nella scritta bianca su fondo nero della data del giorno seguendo le convenzioni del paese in cui l’artista si trovava a lavorare in quel momento: se si era negli Stati Uniti, la data cominciava con il nome del mese in inglese, seguita dal giorno e dall’anno, in Europa il giorno precede il mese, ecc. L’opera veniva poi riposta in una scatola artigiale insieme a un frammento di quotidiano di quel giorno. Qualora il lavoro non fosse terminato entro la mezzanotte, l’opera veniva distrutta perché non sarebbe stata più un dipinto giornaliero.

Il tempo vissuto sia dal punto di vista individuale che da quello storico, diventa l’oggetto dell’opera di On Kawara. Attraverso la casualità della scelta del frammento del quotidiano e quindi del titolo da inserire nella scatola, i dipinti-data rappresentano una sorta di evoluzione della nostra società dal 1966 alla data dell’ultima opera portata a termine, quindi si presume ieri o ieri l’altro dato che scopo iniziale dell’artista era di terminare solo alla data della sua morte. Esistono quindi oltre duemila opere più o meno simili nell’aspetto: i infatti lavori non hanno subito radicali trasformazioni nel corso delle cinque decadi in cui sono stati realizzati.

In questa serie di lavori protratta con una determinazione quasi maniacale per tutti questi anni, si può leggere tutta la pazienza e la costanza caratteristiche di una cultura giapponese per tanti versi molto distante dalla nostra e che hanno fatto di On Kawara un faro per qualsiasi aspirante artista concettuale.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Monochrome di Yves Klein contro Achrome di Piero Manzoni

Yves Klein e Piero Manzoni, due intelligenze a confronto

Scomparsi a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro, Klein a 34 anni e Manzoni a 29, nella loro breve e fulminante carriera hanno realizzato cose straordinarie, ancora oggi discusse, amate e odiate allo stesso tempo.

Le loro storie, come la loro arte, presentano diversi parallelismi ma anche parecchie divergenze che spesso sono sfociate nella legenda.

In questo articolo ho cercato di separare il mito dalla realtà e raccontare qualcosa di questi due grandi dell’arte

Leggi Tutto »