Ettore Spalletti, il poeta del silenzio

Ettore SpallettiÈ una pittura sussurrata quella di Ettore Spalletti, una carezza che ti accoglie e ti invita ad entrare nel quadro, a immergerti nel colore, a unirti a quella superficie delicata e quasi impalpabile che si dilata davanti ai tuoi occhi.

È un pittore contemporaneo Ettore Spalletti, eppure fuori dal suo tempo. Questo può sembrare un controsenso e forse lo è davvero…

Il suo modo di dipingere è unico e nuovo e, pur essendo estremamente moderno, è legato ai grandi artisti della tradizione pittorica italiana, quali Masaccio o Beato Angelico, attraverso quel sottile filo conduttore che è un colore dai toni leggeri e morbidi. Attraverso le sue opere riesce a creare un dialogo tra classicità e contemporaneità, unendo su un unico piano pittura, scultura e architettura. Essere contemporanei d’altronde non è altro che questo: essere fortemente legati al presente e alla propria epoca, essendo nello stesso tempo ben consci e consapevoli di avere un passato.

Eppure quale forte contrasto tra il nostro presente e le sue opere!

In un mondo in cui si ascolta chi urla più forte e non chi più ha da dire, Spalletti tiene il volume basso è si presenta come il poeta del silenzio. In una società in cui ciò che più contaEttore Spalletti - Un giorno così bianco sembra sia l’apparire e per questo ci si preoccupa più del contorno che dei contenuto, la sua arte è priva di leziosità e di colpi di scena, tende alla più pura semplicità e nello stesso tempo alla più grande profondità. Non cerca di stupire il pubblico con mirabolanti effetti speciali come fanno molti pseudo-artisti oggi e le sue opere hanno il potere di trasmettere un messaggio unico e personale a chiunque vi si avvicina con mente aperta e voglia di cogliere ciò che esse hanno da dire.

Ciò che vediamo non è ciò che vediamo ma ciò che siamo” diceva Fernando Pessoa ed è forse questo il segreto delle opere di Ettore Spalletti, in mostra in questi giorni in tre dei musei più importanti d’Italia, la GAM di Torino, il MAXXI di Roma e il Madre di Napoli, per la più completa retrospettiva mai dedicata all’artista.

Bellissimo e perfettamente esplicativo il Documentario creato da Raffaele Simongini per Rai Arte che trovate a questo link.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Monochrome di Yves Klein contro Achrome di Piero Manzoni

Yves Klein e Piero Manzoni, due intelligenze a confronto

Scomparsi a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro, Klein a 34 anni e Manzoni a 29, nella loro breve e fulminante carriera hanno realizzato cose straordinarie, ancora oggi discusse, amate e odiate allo stesso tempo.

Le loro storie, come la loro arte, presentano diversi parallelismi ma anche parecchie divergenze che spesso sono sfociate nella legenda.

In questo articolo ho cercato di separare il mito dalla realtà e raccontare qualcosa di questi due grandi dell’arte

Leggi Tutto »